Vergogna di vivere in questo paese

9 02 2010

era lecito aspettarsi rispetto per una famiglia che ha vissuto un dramma così straziante
da un individuo privo di ogni morale, educazione e scrupolo?

era troppo rimanere in silenzio e non sfruttare ulteriormente a fini politici
una vicenda così personale?

il nostro premier riesce ancora a stupirmi per totale mancanza di gusto.
scemo il sottoscritto, di sicuro non il premier.

w gli italiani!

l’immagine è tratta dalla homepage de Il Corriere





NSA e Google

5 02 2010

Non ha importanza che Google utilizzi o meno i nostri dati (parole ricercate, email, gusti musicali, preferenze sui video, documenti office gestiti online, …) per fini di marketing o altro….

La cosa inquietante è quello che può fare un governo con l’incredibile montagna di dati personali che transitano via internet e, soprattutto, attraverso Google e pochi altri grandi attori (yahoo, microsoft, facebook, ..)….

Questa notizia, che copio e incollo da una delle migliore riviste online sulla tecnologia (ie The Inquirer), è particolarmente interessante perchè ci ricorda come una agenzia di spionaggio quale la NSA (National Security Agency) abbia la possibilità di accedere incondizionatamente ai dati trattati da Google e soci. Alla faccia del Grande Fratello…

/// from The Inquirer ///

NSA muscles in on Google’s Chinese attacks

Google enlists NSA for probing
Friday, 5 February 2010, 12:28

GOOGLE HAS enlisted the muscle of the US National Security Agency (NSA) to explore the alleged Chinese hack attacks, which have been all the rage of the past few weeks.

According to the Wall Street Journal, Google is still the only company out of 20 that it publicly claimed were targeted by Chinese hackers after posting a blog to say it would stop restricting censorship results on Google.cn.

Google has backtracked and is looking for a get out clause from its initial knee jerk statement. It has since announced it is working with China to find a workable system but the company is also “working with the relevant US authorities” to find out where exactly the attacks were generated from.

That said, Google and the NSA won’t be drawn any further on the exact workings of the relationship.

In keeping with its shadowy roots, all an NSA spokeswoman would say was: “The NSA is not able to comment on specific relationships we may or may not have with US companies. The NSA works with a broad range of commercial partners and research associates to ensure the security of the government’s national security computer networks.”

Apparently Google and the NSA – the most power surveillance organisation on the planet – had clandestine meetings to draft a cooperative research and development agreement. This means the NSA could have a butchers at some of Google’s breached data. µ

/// From The Inquirer ///





Di Fiat e Flessibilità del Lavoro

29 01 2010

I nostri politici e i sindacalisti o non hanno capito nulla di come funziona il mondo capitalista e l’economia di mercato o sono in cattiva fede. Propenderei comunque per la seconda.

La decisione di Fiat di chiudere Termini Imerese è una decisione industriale. Potrà rivelarsi corretta o sbagliata nel corso dei prossimi anni, ma è una decisione che spetta solo al management Fiat e nel solo interesse di Fiat e dei suoi azionisti.

Punto. Questa è l’economia di mercato. Questo è il sistema che in teoria è in vigore nel nostro paese. Lo stato deve supportare i lavoratori penalizzati da questa decisione, ma non può investire valanghe di denaro dei contribuenti per tenere in piedi attività industriali che la stessa azienda non vuole sostenere. E’ completamente folle. E’ un gigantesco spreco di denaro pubblico. Non ho i numeri per dimostrarlo, ma sono sicuro che con il denaro necessario a tenere in piedi uno stabilimento automobilistico non efficiente (dal punto di vista del mercato internazionale) sia possibile creare migliaia di posti di lavoro in altre parti di Italia. Posti di lavoro sani, che potrebbero a loro volta generare indotto e ricchezza a lungo termine.

Se questo non viene capito (o più probabilmente, viene ignorato per vari motivi) da politici nazionali e locali e dai sindacati, l’Italia continuerà ad andare nella direzione sbagliata. Bisogna innovare, non conservare. Termini Imerese è morta, i soldi per tenerla in vita artificialmente potrebbero essere usati in migliaia di modi più sensati. Speriamo che Fiat tenga duro, magari con il supporto di Confindustria….

Questo articolo tratto da Il Corriere, esemplifica l’inadeguatezza della gente che ci governa e dei sindacati italiani. Il Sud non può essere penalizzato? Cosa vuol dire questa frase? Stiamo parlando di aziende private, in cui sono investiti i soldi di cittadini e istituzioni, non di un appendice del governo italiano. Nel frattempo, i sindacati dovrebbero iniziare a pensare a i diritti dei giovani, anzichè a sostenere posizioni indifendibili e dannose sul lungo termine.

Che paese demenziale…





Un paese senza memoria non è un paese

22 12 2009

da Il Corriere

Un popolo ignorante e senza memoria storica,
ecco l’ennesima prova di questa triste constatazione.

Ovviamente i nostri uomini politici non fanno nulla
per migliorare la situazione, non perdendo occasione
per ritrattare/alterare/ignorare i fatti passati che potrebbero
metterli in difficoltà o in imbarazzo.

La coerenza non è richiesta dagli elettori, semplicemente
perchè non sono in grado di apprezzarla, perchè non sfruttare la cosa?

Berlusconi era amico fraterno di Craxi, Capezzone
era un radicale, Rutelli pure. Bondi era un comunista, Bossi un riformatore
viscerale antipartitico e antipolitico, ….

La lista potrebbe essere infinita. Da noi si cambia casacca,
si nega quanto affermato ieri e si acquisisce la posizione dell’avversario,
e così via…

Craxi, innocente o colpevole che fosse (ed è stato provato essere colpevole!
perchè in uno stato di diritto, se un tribunale ti condanna SEI COLPEVOLE!),
è scappato alla giustizia del paese che per anni ha governato!

E’ il peggior segno di colpevolezza, arroganza, disonestà e codardia
che riesco ad immaginare. E’ scappato perchè sapeva di essere colpevole
come una merda (ed è stato dimostrato). E’ scappato perchè aveva la possibilità
di farlo (essendo ricco e potente). E’ scappato perchè era un uomo vigliacco
e marcio, che non aveva il coraggio di affrontare la conseguenza delle proprie azioni.

Vergogna a chi ancora lo vuole riabilitare. Anche se fosse stato innocente (e non lo era)!





Una civiltà in prestito

21 12 2009

il tenore di vita medio dei paesi sviluppati è estremamente alto.
i poveri ci sono, ovviamente, ma la maggior parte della popolazione vive nell’agio.
fenomeni come l’obesità di massa o il numero spropositato di mezzi meccanici privati
sono chiari segni di ricchezza diffusa (e peraltro usata male).

i conflitti sociali nei paesi sviluppati sono quasi storia passata.
le lotte sindacali e i grandi scioperi generali non sono scomparsi, ma la vera
lotta di classe è morta. panem et circenses è un binomio che funziona sempre.

questo risultato non è, però, stato ottenuto risolvendo l’asimmetria della distribuzione
delle ricchezze alla radice. non sono scomparsi i super ricchi, non sono stati limitati
gli sprechi inutili di risorse, non c’è stato un livellamento del tenore di vita verso l’alto
grazie a misure innovative e sostenibili.

semplicemente, la povertà è stata delocalizzata. gli schiavi non sono più sotto casa
(o, meglio, pochi schiavi sono sotto casa), essi lavorano per noi dall’altra parte del mondo.
il 20% della popolazione umana detiene l’80% della ricchezza, o qualcosa di molto simile.

ma la tecnica utilizzata dall’occidente per mantenere, e migliorare, il proprio standard di vita
ha avuto un effetto secondario non trascurabile (e probabilmente non preventivato).

questo grafico (tratto da questa pagina di The Economist) mostra l’andamento del debito pubblico
dei paesi sviluppati e quello dei paesi in via di sviluppo. non sono un esperto, ma appare
evidente che gli stati ricchi sono tali solo in virtù della gigantesca quantità di denaro che
viene loro prestata dai paesi in via di sviluppo!

i paesi in via di sviluppo sono legati ai consumi dei paesi ricchi per alimentare la propria
crescita economica. di più, molti paesi hanno investito i sudati risparmi (pubblici) in
certificati di debito dei paesi ricchi. per  tali ragioni non possono smettere di finanziare
il nostro benessere e i nostri eccessi di punto in bianco. verrebbero travolti dal nostro crollo.

ma non durerà per sempre, lentamente riusciranno a sviluppare una domanda interna
e rapporti commerciali tra paesi in via di sviluppo sufficienti a staccare la spina.
nel frattempo noi invecchieremo ulteriormente… e saremo sempre più deboli e decadenti…

in qualche modo le vecchie civiltà finiscono sempre per crollare e lasciare lo spazio a quelle più giovani
e dinamiche. è per questo che si parla del Secolo di Cina e India.





Materia Oscura

18 12 2009

la nostra comprensione dell’universo è estremamente limitata.

uno dei grandi misteri è quello della materia oscura: i nostri strumenti
non riescono a percepire gran parte della massa che deve essere presente
in giro per l’universo per generare gli effetti gravitazionali che osserviamo.

in altre parole, non riusciamo a vedere circa l’80% della materia che compone
l’universo, anche se ne osserviamo gli effetti gravitazionali.

per la prima volta, un esperimento sembra aver rilevato l’elusiva particella
che è alla base di questo mistero della fisica: il neutralino.

non sto a spiegare altro, qui trovate qualche dettaglio in più e i link
ad ulteriore informazioni.





In cielo, a caratteri di fuoco!

17 12 2009

dal sito de Il Corriere

da parte mia
condanna ASSOLUTA al gesto di violenza.
condanna ASSOLUTA alla strumentalizzazione politica.
e ne vedremo parecchia di strumentalizzazione…..

questo evento verrà utilizzato per demonizzare i critici delle attività di governo (istigatori all’odio)
questo evento verrà utilizzato per dare un giro di vite alla libertà di espressione (già limitata nel nostro paese, e non solo per colpa di questo governo)
questo evento darà il via ad una nuova strategia della tensione

spero solo di sbagliarmi